Idrochinesiterapia

Idrochinesiterapia – riabilitazione in acqua

L’idroterapia (idrochinesiterapia) è l’attività svolta in acqua per favorire la riabilitazione e il recupero, ad es., da gravi lesioni. È una forma di esercizio in acqua calda ed è un trattamento popolare per i pazienti con patologie neurologiche e muscoloscheletriche.

Gli obiettivi di questa terapia sono il rilassamento muscolare, il miglioramento dei movimenti articolari e la riduzione del dolore.   Questa terapia è stata utilizzata per migliaia di anni.

L’idrochinesiterapia è una tecnica di supporto nel trattamento riabilitativo di molte patologie neuromotorie ed ortopediche. L’idroterapia, infatti, impiega le proprietà fisiche dell’acqua in terapia sfruttando le variazioni di temperatura sia in eccesso che in difetto e le variazioni statistiche e dinamiche della pressione. Si possono raggiungere obiettivi terapeutici e/o ricreativi quali:

Recupero funzionale a seguito di intervento chirurgico

Recupero psicomotorio (cuffia dei rotatori, testa del femore

Miglioramento della funzionalità respiratoria, cartilagine articolare

Miglioramento della funzionalità cardio-circolatoria (circolazione sanguigna)

Miglioramento della funzionalità vescicale ed intestinale

Obiettivi ricreativi di tipo ludico sociale

patologie dell anca (artrosi dell anca e articolazione dell anca)

riabilitazione spalla

artrite reumatoide

I fisioterapisti sono spesso coinvolti nell’idroterapia in un ambiente di riabilitazione. La soddisfazione del cliente e l’adesione a questa forma di esercizio sono spesso elevate. Gli effetti terapeutici sono spesso potenziati dall’impostazione sociale delle sessioni dei percorsi riabilitativi

Riabilitazione motoria in acqua

La ginnastica riabilitativa in acqua consente di effettuare precocemente esercizi e movimenti, riducendo i tempi di recupero, per patologie della colonna vertebrale, per problematiche articolari e muscolari idrochinesiterapia di spalla, ginocchio, anca e caviglia anche in ambito sportivo, per patologie neurologiche.

Una metodica utilizzata è quella Lionese molto efficace nel trattamento delle patologie ortopediche della spalla. Le sedute in acqua calda a 34/35°rivestono un importante ruolo terapeutico

i principi fondamentali della rieducazione:

  • il non dolore
  • il rispetto dei movimenti richiesti
  • delle pause e del ritmo nell’esecuzione degli esercizi

Effetti idrochinesiterapia e riabilitazione in acqua

Gli effetti fisiologici della fisioterapia in acqua combinano quelli portati dall’acqua calda della piscina con quelli degli esercizi. L’entità degli effetti varia in base alla temperatura dell’acqua, alla durata del trattamento, al tipo e alla gravità dell’esercizio. 

Gli effetti fisiologici dell’esercizio in acqua sono simili a quelli dell’esercizio sulla terraferma. L’afflusso di sangue ai muscoli che lavorano è aumentato, il calore si evolve con ogni cambiamento chimico che si verifica durante la contrazione e la temperatura dei muscoli aumenta. C’è un aumento del metabolismo nei muscoli con conseguente maggiore richiesta di ossigeno e aumento della produzione di anidride carbonica. 

Questi cambiamenti aumentano i cambiamenti simili causati dal calore dell’acqua ed entrambi contribuiscono all’effetto finale. La gamma dei movimenti articolari viene mantenuta o aumentata e aumenta la potenza muscolare. 

Durante l’immersione, gli effetti fisiologici sono simili a quelli provocati da qualsiasi altra forma di calore ma meno localizzati. Un aumento della temperatura corporea è inevitabile perché il corpo ottiene calore dall’acqua e da tutti i muscoli contraenti che eseguono gli esercizi. Quando la pelle si riscalda, i vasi sanguigni superficiali si dilatano e aumenta l’afflusso di sangue periferico. Il sangue che scorre attraverso questi vasi viene riscaldato e per convezione, la temperatura delle strutture sottostanti aumenta. 

Il calore relativamente mite dell’acqua riduce la sensibilità delle terminazioni nervose sensoriali e il tono muscolare diminuirà quando i muscoli vengono riscaldati dal sangue che li attraversa. 

Effetti terapeutici 

  • Allevia il dolore e lo spasmo muscolare 
  • Per rilassarsi  
  • Mantenere o aumentare la gamma dei movimenti articolari 
  • Rieducare i muscoli paralizzati 
  • Rafforzare i muscoli deboli e svilupparne il potere e la resistenza. 
  • Incoraggiare la camminata e altre attività funzionali e ricreative. 
  • Migliorare la circolazione (condizione trofica della pelle)  
  • Dare al paziente incoraggiamento e sicurezza nell’esecuzione dei suoi esercizi, migliorando così il suo morale. 
  • Il calore dell’acqua blocca la nocicezione agendo sui recettori termici e sui meccanorecettori, influenzando così i meccanismi segmentali spinali. 
  • L’acqua calda stimola positivamente il flusso sanguigno, il che porta al rilassamento muscolare.
  • l’effetto idrostatico può alleviare il dolore riducendo l’edema periferico e attenuando l’attività del sistema nervoso simpatico. 

Fattori di rischio

  • Controindicazioni gravi
  • Malattia cardiovascolare
  • malattia cardiopolmonare
  • Diabetico
  • Disturbo dell’equilibrio
  • Storia di CVA, epilessia
  • Incontinenza
  • labirintite
  • un raffreddore
  • Influenza
  • Febbre
  • condizioni della pelle
  • Allergie chimiche (cloro)

Controindicazioni assolute

  • Malattie contagiose
  • Epatite
  • tracheotomia
  • Infezione del tratto urinario
  • Epilessia grave
  • Incontinenza urinaria
  • Ferite aperte 
  • Chirurgia recente 
  • Idrofobia

Idrochinesiterapia esercizi

Idrokinesiterapia – Percorsi e trattamenti riabilitativi e terapeutici in acqua

Flessibilità e ROM comune

L’allungamento statico in acqua calda può essere più facile della terra; la galleggiabilità dell’acqua consente anche l’uso di dispositivi di galleggiamento per facilitare l’allungamento e consentire al paziente di “rilassarsi” nell’allungamento. Ulteriori movimenti attivi incidono sulla matrice extracellulare attraverso la tixotropia, il miglioramento dell’attività cellulare nella fascia e l’aumento della temperatura dei tessuti, contribuendo così a migliorare la flessibilità e la mobilità dei tessuti molli.

Attraverso osservazioni cliniche, in questo gruppo di pazienti, lo stretching passivo dovrebbe essere riservato al raffreddamento, gruppi muscolari specifici non facilmente attivabili attraverso la ROM completa e quando il dolore impedisce i movimenti attivi.

Ginnastica cardiovascolare

Il tipo di esercizio acquatico utilizzato per migliorare la forma cardiovascolare non è importante quanto l’intensità con cui vengono eseguiti gli esercizi. La modalità di allenamento può essere in base alle preferenze del paziente. L’esercizio acquatico per il miglioramento della forma cardiovascolare deve essere eseguito 3-5 volte a settimana per 30-60 minuti.