Il nostro team di esperti ha predisposto una FAQ per domande inerenti la riabilitazione sotto tutti i suoi aspetti.

Se desidera sottoporre una domanda sui temi riabilitativi può scriverci compilando il form in basso. Le risposte a quesiti più personali su casi singoli saranno inviate via email, nel rispetto delle regole della privacy. Di seguito vengono pubblicate le domande più frequenti-FAQ.

Logopedia

1Quando rivolgersi ad un logopedista e perché?
Uno dei momenti più emozionanti per noi genitori, è quando sentiamo i nostri bimbi pronunciare le loro prime paroline… Io per prima, ricordo che ho filmato addirittura l’evento, ascoltando quei suoni con gioia ed emozione immense! Come un po’ per tutto ciò che riguarda i bambini, ognuno ha i suoi tempi, ma può anche capitare che l’apprendimento del linguaggio presenti dei problemi e, allora, bisogna cercare di intervenire, chiedendo aiuto ad un logopedista.
2Cos'è la logopedia?
È la branca della medicina che studia il linguaggio e la parola (sia scritta che orale) e le sue problematiche. Il suo obiettivo principale è sviluppare un linguaggio corretto ed educare o rieducare il linguaggio e la voce, risolvendo alcuni disturbi o difetti e, perciò, si rivolge ai bambini, ma anche ad adulti. Per quanto riguarda il bambino in fase di crescita, si occupa di riabilitazione nell’ambito di ritardi o disturbi del linguaggio, della fluenza (balbuzie) o dell’apprendimento scolastico (lettura e scrittura).
3Quali sono i campanelli d'allarme?
I tempi di acquisizione del linguaggio dipendono dal bambino e dalle sue abilità innate, ma anche dall’ambiente più o meno ricco di stimoli che lo circonda. Dannoso e rischioso – per noi adulti e per gli stessi bambini – è fare paragoni o gare con gli altri genitori, per scoprire qual è il bambino che dice più parole e inizia a parlare prima degli altri… Lo stress e l’ansia non possono che peggiorare eventuali problemi o anche farne sorgere nei casi in cui problemi reali non ci siano. È giusto stimolare e incoraggiare il bambino a parlare, ma senza che ciò diventi un’ossessione controproducente. C’è chi parla prima, ma in modo non sempre comprensibile e chi parla dopo, ma subito in modo corretto. Orientativamente, è utile sapere che, intorno ai 5 mesi, il bambino inizia la cosiddetta lallazione (emissione di suoni sotto forma di sillabe ripetute in serie) e tra i 9 e i 14 mesi, pronuncia le prime paroline di senso compiuto. Se a 2 anni e mezzo, il bambino ancora non dice paroline, per stare più tranquilli, si potrebbe anche chiedere il parere del pediatra. Potrebbe essere un semplice ritardo (RS) risolvibile in pochi mesi o potrebbe essere un disturbo specifico del linguaggio (DSL), potrebbe dipendere da un ritardo mentale, da un problema legato ad un disturbo dello spettro autistico o legato anche a problemi dell’udito, a problemi odontoiatrici o a disturbi specifici dell’apprendimento (DSA). C’è poi anche l’aspetto emotivo da considerare, perché – in alcuni casi – può influire limitando l’utilizzo del linguaggio. Spesso, il problema non è patologico, ma legato solo ad un ritardo evolutivo, a cui seguirà uno sviluppo del tutto normale. Ad ogni modo, un ritardo nel parlare, parole semplici pronunciate male o in modo incomprensibile, una difficoltà nello strutturare le frasi, una lentezza o difficoltà nell’imparare a leggere o scrivere o anche la balbuzie potrebbero – ma non è detto che lo siano sempre – campanelli d’allarme. C’è da dire che alcune lettere o gruppi di lettere (come s, z, f, gl o gn) sono più difficoltose da pronunciare e capita che alcuni suoni siano riprodotti in modo errato, ma, a volte, può bastare anche solo un po’ di esercizio fatto a casa e un po’ di pazienza e costanza da parte di noi genitori, perciò non dobbiamo subito allarmarci. Chiedere il parere di uno specialista o farci anche consigliare dal pediatra di base può però essere opportuno, però, se il problema non sembra risolversi col tempo e con la pratica o, addirittura, sembra peggiorare.
4Come interviene il logopedista?
L’intervento abilitativo e/o riabilitativo prevede esercizi ad hoc, studiati per l’educazione della parola e la corretta padronanza degli strumenti espressivi. Il logopedista propone, tra l’altro, esercizi di stimolazione linguistica, foniatrica e motoria e il gioco è tra i principali strumenti terapeutici. Molto importante, però, resta la collaborazione con i genitori e con la scuola.
15 Maggio 2019
riabilitazione con elettroterapia riabilitazione campania a napoli

Elettroterapia

L’elettroterapia è l’applicazione di corrente elettrica di basso livello a scopo terapeutico. La TENS è un metodo di stimolazione elettrica largamente conosciuta in elettroterapia che mira […]
13 Maggio 2019
disturbi apprendimento riabilitazionecampania

Segni e sintomi e diagnosi delle difficoltà di apprendimento

Segni e sintomi delle difficoltà di apprendimento possono essere diagnosticati attraverso l’aiuto di un professionista qualificato.   Si considerano tre età principali che mostrano diversi sintomi. […]
10 Maggio 2019
come trattare l artrite reumatoide

Come trattare l’artite reumatoide

L’artrite reumatoide è una condizione che può causare dolore, gonfiore e rigidità delle articolazioni. L’artrite reumatoide è nota per la sua condizione autoimmune. Ciò significa che […]
8 Maggio 2019
Trattamenti di terapia fisica di una frattura del femore riabilitazione campania

Trattamenti di terapia fisica di una frattura del femore

Analizziamo i trattamenti di terapia fisica a seguito di una frattura del femore. Il femore, è l’osso più grande del corpo umano e, in quanto tale […]
6 Maggio 2019
riabilitazione spalla campania

Riabilitazione della spalla in acqua

La terapia in acqua (anche conosciuta come idroterapia) per la riabilitazione della spalla è un metodo di riabilitazione che si concentra su esercizi eseguiti in una […]
3 Maggio 2019
Il ruolo del muscolo Psoas nella lombalgia riabilitazione campania

Il ruolo del muscolo Psoas nella lombalgia

Analizziamo il ruolo del muscolo Psoas nella lombalgia che si manifesta in forme e misure diverse. Alcuni pazienti possono descrivere il loro dolore come un dolore […]
1 Maggio 2019
malattia di Scheuermann riabilitazione campania napoli

Malattia di Scheurmann

La malattia di Scheuermann, chiamata anche cifosi di Scheuermann o cifosi giovanile di Scheuermann, è una deformità strutturale che si verifica solitamente nella spina dorsale toracica, […]
29 Aprile 2019
artrite riabilitazione campania

Artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è una condizione clinica cronica e dolorosa che porta a un progressivo danno articolare, disabilità, deterioramento della qualità della vita e riduzione dell’aspettativa di […]
26 Aprile 2019
trapezio riabilitazione campania

Come trattare il dolore muscolare trapezio: cause, sintomi, esercizi

Il dolore muscolare al trapezio è spesso descritto come un dolore acuto o cronico che colpisce un numero di piccoli muscoli nella parte superiore della schiena […]
23 Aprile 2019
ernia cervicale c5 c6 c7 riabilitazione campania

Ernia cervicale c5 c6 c7

Sebbene un disco erniato possa originarsi da una sorta di trauma o una lesione alla colonna cervicale, i sintomi comunemente iniziano spontaneamente. Il dolore al braccio […]
17 Aprile 2019
hamstring syndrome riabilitazione campania

La Hamstring Syndrome

L’hamstring syndrome, o sindrome degli ischio-crurali, è una patologia di non raro riscontro in ambito sportivo la cui insorgenza può determinare lunghi periodi di assenza sia […]
15 Aprile 2019
frattura del polso riabilitazione campania

Frattura del polso: trattamento chinesiologico in palestra

INTRODUZIONEUn trattamento efficace per una frattura dell’epifisi distale del radio deve rispettare i tessuti molli, allo stesso tempo ripristinare un allineamento anatomico delle ossa. È d’obbligo […]
Lasci pure una richiesta per uno dei nostri esperti

Contattaci

Richiedi informazioni


(Potrai cancellarli o chiederne una copia facendo esplicita richiesta a [email protected]) (richiesto)


Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


PHPSESSID è un cookie nativo di php e consente ai siti web di memorizzare dati sullo stato della serializzazione. viene utilizzato per stabilire una sessione utente e per comunicare i dati sullo stato attraverso un cookie temporaneo, comunemente denominato cookie di sessione. poiché il cookie PHPSESSID non ha una scadenza temporale, scompare quando viene chiuso il browser.

QTRANS_FRONT_LANGUAGE è utilizzato dal CMS per salvare le impostazioni di scelta della lingua impostata dall’utente. Il dato salvato non raccoglie informazioni sull’identità dell’utente.    


Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi