Il nostro team di esperti ha predisposto una FAQ per domande inerenti la riabilitazione sotto tutti i suoi aspetti.

Se desidera sottoporre una domanda sui temi riabilitativi può scriverci compilando il form in basso. Le risposte a quesiti più personali su casi singoli saranno inviate via email, nel rispetto delle regole della privacy. Di seguito vengono pubblicate le domande più frequenti-FAQ.

Logopedia

1Quando rivolgersi ad un logopedista e perché?
Uno dei momenti più emozionanti per noi genitori, è quando sentiamo i nostri bimbi pronunciare le loro prime paroline… Io per prima, ricordo che ho filmato addirittura l’evento, ascoltando quei suoni con gioia ed emozione immense! Come un po’ per tutto ciò che riguarda i bambini, ognuno ha i suoi tempi, ma può anche capitare che l’apprendimento del linguaggio presenti dei problemi e, allora, bisogna cercare di intervenire, chiedendo aiuto ad un logopedista.
2Cos'è la logopedia?
È la branca della medicina che studia il linguaggio e la parola (sia scritta che orale) e le sue problematiche. Il suo obiettivo principale è sviluppare un linguaggio corretto ed educare o rieducare il linguaggio e la voce, risolvendo alcuni disturbi o difetti e, perciò, si rivolge ai bambini, ma anche ad adulti. Per quanto riguarda il bambino in fase di crescita, si occupa di riabilitazione nell’ambito di ritardi o disturbi del linguaggio, della fluenza (balbuzie) o dell’apprendimento scolastico (lettura e scrittura).
3Quali sono i campanelli d'allarme?
I tempi di acquisizione del linguaggio dipendono dal bambino e dalle sue abilità innate, ma anche dall’ambiente più o meno ricco di stimoli che lo circonda. Dannoso e rischioso – per noi adulti e per gli stessi bambini – è fare paragoni o gare con gli altri genitori, per scoprire qual è il bambino che dice più parole e inizia a parlare prima degli altri… Lo stress e l’ansia non possono che peggiorare eventuali problemi o anche farne sorgere nei casi in cui problemi reali non ci siano. È giusto stimolare e incoraggiare il bambino a parlare, ma senza che ciò diventi un’ossessione controproducente. C’è chi parla prima, ma in modo non sempre comprensibile e chi parla dopo, ma subito in modo corretto. Orientativamente, è utile sapere che, intorno ai 5 mesi, il bambino inizia la cosiddetta lallazione (emissione di suoni sotto forma di sillabe ripetute in serie) e tra i 9 e i 14 mesi, pronuncia le prime paroline di senso compiuto. Se a 2 anni e mezzo, il bambino ancora non dice paroline, per stare più tranquilli, si potrebbe anche chiedere il parere del pediatra. Potrebbe essere un semplice ritardo (RS) risolvibile in pochi mesi o potrebbe essere un disturbo specifico del linguaggio (DSL), potrebbe dipendere da un ritardo mentale, da un problema legato ad un disturbo dello spettro autistico o legato anche a problemi dell’udito, a problemi odontoiatrici o a disturbi specifici dell’apprendimento (DSA). C’è poi anche l’aspetto emotivo da considerare, perché – in alcuni casi – può influire limitando l’utilizzo del linguaggio. Spesso, il problema non è patologico, ma legato solo ad un ritardo evolutivo, a cui seguirà uno sviluppo del tutto normale. Ad ogni modo, un ritardo nel parlare, parole semplici pronunciate male o in modo incomprensibile, una difficoltà nello strutturare le frasi, una lentezza o difficoltà nell’imparare a leggere o scrivere o anche la balbuzie potrebbero – ma non è detto che lo siano sempre – campanelli d’allarme. C’è da dire che alcune lettere o gruppi di lettere (come s, z, f, gl o gn) sono più difficoltose da pronunciare e capita che alcuni suoni siano riprodotti in modo errato, ma, a volte, può bastare anche solo un po’ di esercizio fatto a casa e un po’ di pazienza e costanza da parte di noi genitori, perciò non dobbiamo subito allarmarci. Chiedere il parere di uno specialista o farci anche consigliare dal pediatra di base può però essere opportuno, però, se il problema non sembra risolversi col tempo e con la pratica o, addirittura, sembra peggiorare.
4Come interviene il logopedista?
L’intervento abilitativo e/o riabilitativo prevede esercizi ad hoc, studiati per l’educazione della parola e la corretta padronanza degli strumenti espressivi. Il logopedista propone, tra l’altro, esercizi di stimolazione linguistica, foniatrica e motoria e il gioco è tra i principali strumenti terapeutici. Molto importante, però, resta la collaborazione con i genitori e con la scuola.
24 Gennaio 2020
pet therapy nella riabilitazione

Il ruolo della Pet Therapy nella riabilitazione

Giuseppe De Stefano Donzelli, fisioterapista della riabilitazione neurologica presso il Centro Manzoni, ha partecipato alla discussione per il riordino della pet therapy in Commissione Affari Sociali. […]
22 Gennaio 2020
sternocleidomastoideo fisioterapia e riabilitazione napoli

Dolore allo sternocleidomastoideo cure e rimedi

Rimedi e cure per il dolore allo sternocleidomastoideo Il muscolo sternocleidomastoideo si trova alla base del cranio su entrambi i lati del collo, dietro le orecchie. […]
20 Gennaio 2020
spondilosi fisioterapia e riabilitazione napoli

Spondiloartrosi, sintomi e cura

Spondiloartrosi, sintomi e cura La Spondiloartrosi si riferisce a cambiamenti degenerativi nella colonna vertebrale come speroni ossei e dischi intervertebrali degeneranti tra le vertebre. La parola […]
17 Gennaio 2020
tens elettroterapia fisioterapia napoli riabilitazione napoli

TENS Elettroterapia

TENS Elettroterapia a basso voltaggio La TENS terapia, dall’inglese “Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation”, in italiano stimolazione nervosa transcutanea è un metodo per alleviare il dolore che […]
15 Gennaio 2020
vertigini da stress riabilitazione napoli

Vertigini da stress e ansia

Scopri come curare le vertigini da stress e ansia con la fisioterapia Le vertigini da stress sono un sintomo comune dovuto ad attacchi d’ansia e stress. […]
14 Gennaio 2020
discopatia degenerativa fisioterapia e riabilitazione napoli

Discopatia: trattamento, sintomi, cause

La discopatia è una malattia che si verifica con l’età e colpisce uno o più dischi intervertebrali. Si manifesta attraverso mal di schiena ed è importante […]
13 Gennaio 2020
l immagine presenta un ipotesi di ginocchio valgo fisioterapia e riabilitazione napoli

Ginocchio valgo, esercizi di rafforzamento

Cause del ginocchio valgo ed esercizi di rafforzamento Il ginocchio valgo si riferisce a una condizione in cui le ginocchia puntano e si inclinano verso l’interno. […]
10 Gennaio 2020
spina calcanearea fisioterapia riabilitazione campania napoli

Spina Calcaneare

Spina Calcaneare La spina calcaneare (o sperone) è una esostosi, cioè una formazione benigna di osso, situata nella zona inferiore del tallone, una crescita ossea, chiamata […]
8 Gennaio 2020
sintomi cervicale infiammata fisioterapia napoli

Sintomi cervicale infiammata

Scopri i sintomi della cervicale infiammata e i rimedi I sintomi principali della cervicale infiammata sono mal di testa, mancanza di forza nelle braccia, dolore alla […]
3 Gennaio 2020
Ionoferesi - trattamento fisioterapico strumentale napoli

La Ionoferesi – trattamento fisioterapico strumentale

La Ionoferesi – trattamento fisioterapico strumentale La ionoforesi è una tecnica terapeutica che prevede l’introduzione di ioni nei tessuti del corpo mediante una corrente elettrica diretta. […]
30 Dicembre 2019
idrokinesiterapia

Frattura composta del piatto tibiale idrokinesiterapia

Trattamento di idrokinesiterapia a seguito di una frattura composta del piatto tibiale La paziente è in trattamento di idrokinesiterapia per esiti di frattura composta del piatto […]
23 Dicembre 2019
cisti di baker poplitea napoli riabilitazione campania

Cisti di Baker (poplitea)

Cos’è una cisti di Baker? Una cisti poplitea, nota anche come cisti di Baker, è un gonfiore riempito di liquidi che provoca un nodulo nella parte […]
Lasci pure una richiesta per uno dei nostri esperti

Contattaci

Richiedi informazioni


(Potrai cancellarli o chiederne una copia facendo esplicita richiesta a [email protected]) (richiesto)