Il nostro team di esperti ha predisposto una FAQ per domande inerenti la riabilitazione sotto tutti i suoi aspetti.

Se desidera sottoporre una domanda sui temi riabilitativi può scriverci compilando il form in basso. Le risposte a quesiti più personali su casi singoli saranno inviate via email, nel rispetto delle regole della privacy. Di seguito vengono pubblicate le domande più frequenti-FAQ.

Logopedia

1Quando rivolgersi ad un logopedista e perché?
Uno dei momenti più emozionanti per noi genitori, è quando sentiamo i nostri bimbi pronunciare le loro prime paroline… Io per prima, ricordo che ho filmato addirittura l’evento, ascoltando quei suoni con gioia ed emozione immense! Come un po’ per tutto ciò che riguarda i bambini, ognuno ha i suoi tempi, ma può anche capitare che l’apprendimento del linguaggio presenti dei problemi e, allora, bisogna cercare di intervenire, chiedendo aiuto ad un logopedista.
2Cos'è la logopedia?
È la branca della medicina che studia il linguaggio e la parola (sia scritta che orale) e le sue problematiche. Il suo obiettivo principale è sviluppare un linguaggio corretto ed educare o rieducare il linguaggio e la voce, risolvendo alcuni disturbi o difetti e, perciò, si rivolge ai bambini, ma anche ad adulti. Per quanto riguarda il bambino in fase di crescita, si occupa di riabilitazione nell’ambito di ritardi o disturbi del linguaggio, della fluenza (balbuzie) o dell’apprendimento scolastico (lettura e scrittura).
3Quali sono i campanelli d'allarme?
I tempi di acquisizione del linguaggio dipendono dal bambino e dalle sue abilità innate, ma anche dall’ambiente più o meno ricco di stimoli che lo circonda. Dannoso e rischioso – per noi adulti e per gli stessi bambini – è fare paragoni o gare con gli altri genitori, per scoprire qual è il bambino che dice più parole e inizia a parlare prima degli altri… Lo stress e l’ansia non possono che peggiorare eventuali problemi o anche farne sorgere nei casi in cui problemi reali non ci siano. È giusto stimolare e incoraggiare il bambino a parlare, ma senza che ciò diventi un’ossessione controproducente. C’è chi parla prima, ma in modo non sempre comprensibile e chi parla dopo, ma subito in modo corretto. Orientativamente, è utile sapere che, intorno ai 5 mesi, il bambino inizia la cosiddetta lallazione (emissione di suoni sotto forma di sillabe ripetute in serie) e tra i 9 e i 14 mesi, pronuncia le prime paroline di senso compiuto. Se a 2 anni e mezzo, il bambino ancora non dice paroline, per stare più tranquilli, si potrebbe anche chiedere il parere del pediatra. Potrebbe essere un semplice ritardo (RS) risolvibile in pochi mesi o potrebbe essere un disturbo specifico del linguaggio (DSL), potrebbe dipendere da un ritardo mentale, da un problema legato ad un disturbo dello spettro autistico o legato anche a problemi dell’udito, a problemi odontoiatrici o a disturbi specifici dell’apprendimento (DSA). C’è poi anche l’aspetto emotivo da considerare, perché – in alcuni casi – può influire limitando l’utilizzo del linguaggio. Spesso, il problema non è patologico, ma legato solo ad un ritardo evolutivo, a cui seguirà uno sviluppo del tutto normale. Ad ogni modo, un ritardo nel parlare, parole semplici pronunciate male o in modo incomprensibile, una difficoltà nello strutturare le frasi, una lentezza o difficoltà nell’imparare a leggere o scrivere o anche la balbuzie potrebbero – ma non è detto che lo siano sempre – campanelli d’allarme. C’è da dire che alcune lettere o gruppi di lettere (come s, z, f, gl o gn) sono più difficoltose da pronunciare e capita che alcuni suoni siano riprodotti in modo errato, ma, a volte, può bastare anche solo un po’ di esercizio fatto a casa e un po’ di pazienza e costanza da parte di noi genitori, perciò non dobbiamo subito allarmarci. Chiedere il parere di uno specialista o farci anche consigliare dal pediatra di base può però essere opportuno, però, se il problema non sembra risolversi col tempo e con la pratica o, addirittura, sembra peggiorare.
4Come interviene il logopedista?
L’intervento abilitativo e/o riabilitativo prevede esercizi ad hoc, studiati per l’educazione della parola e la corretta padronanza degli strumenti espressivi. Il logopedista propone, tra l’altro, esercizi di stimolazione linguistica, foniatrica e motoria e il gioco è tra i principali strumenti terapeutici. Molto importante, però, resta la collaborazione con i genitori e con la scuola.
13 Settembre 2019
YAG Laser Terapia fisioterapia napoli riabilitazione campania

Laser Terapia YAG

La Laser Terapia YAG ad emissione pulsata consente di trattare in assoluta sicurezza tutti gli stati infiammatori, portando elevate dosi energetiche in profondità senza causare danni […]
9 Settembre 2019
dorsopatia riabilitazione campania fisioterapia napoli

Cos’è la dorsopatia? Cause del mal di schiena e trattamenti

La dorsopatia è un’affezione dolorosa che viene comunemente denominata mal di schiena ma che comprende un gruppo di malattie derivanti dalle sensazioni di dolore derivanti dai […]
6 Settembre 2019
bruxismo riabilitazione campania napoli

Il bruxismo, come riconoscerne le cause e i sintomi

La maggior parte delle persone stringe o digrigna i denti di tanto in tanto. Quando questa diventa un’abitudine, solitamente innescata da stress o ansia, è conosciuta […]
4 Settembre 2019
radiofrequenza pulsata riabilitazione campania fisioterapia napoli

Radiofrequenza pulsata

La radiofrequenza pulsata è un trattamento che ha come obbiettivo quello di eliminare il dolore cronico ed è particolarmente indicato per alcune patologie come il dolore […]
2 Settembre 2019
dito a martello - riabilitazione campania

Dito a martello

Che cos’è un dito a martello? Un dito a martello è una deformità che fa piegare la punta del piede verso il basso invece di puntare […]
30 Agosto 2019
Borsite alla spalla e impingement sub acromiale fisioterapia riabilitazione napoli

Borsite alla spalla e impingement sub-acromiale: cause, sintomi e soluzioni terapeutiche

All’interno di ciascuna delle spalle c’è una piccola sacca piena di liquido chiamata borsa. Quando si infiamma, porta a una condizione nota come borsite della spalla. […]
28 Agosto 2019
Sindrome di Guillain-Barré fisioterapia riabilitazione campania

Sindrome di Guillain-Barré

La sindrome di Guillain-Barré (GBS) è una rara malattia neurologica in cui il sistema immunitario attacca erroneamente parte del suo sistema nervoso periferico, la rete di […]
26 Agosto 2019
Come curare la dipendenza da internet e l’hikikomori

Come curare la dipendenza da internet e hikikomori

Dipendenza da internet e hikikomori. Oggi scopriamo come curare la dipendenza da internet, problematica molto diffusa ed in crescita tra i giovani e l’hikikomori, una parola […]
23 Agosto 2019
cifosi fisioterapia napoli

Cifosi: sintomi, cause, esercizi e trattamento

La cifosi è un arrotondamento anormale della parte superiore della schiena. È una condizione relativamente comune che si sviluppa spesso nell’adolescenza o nella giovane età adulta.Avere […]
21 Agosto 2019
scoliosi fisioterapia e riabilitazione napoli

Scoliosi

La scoliosi è una curvatura anomala della colonna vertebrale. La forma normale della colonna vertebrale di una persona include una curva nella parte superiore della spalla […]
16 Agosto 2019
immagine rappresentativa lastenosi spinale riabilitazione campania

Stenosi spinale e fisioterapia

La stenosi spinale è una condizione dovuta al restringimento del canale vertebrale. La colonna vertebrale è una colonna di ossa chiamate vertebre che forniscono stabilità e supporto per […]
14 Agosto 2019
post traumatico da stress riabilitazionecampania

Disturbo post-traumatico da stress

Il disturbo post-traumatico da stress è un disturbo debilitante correlato al trauma e allo stress che può verificarsi dopo aver sperimentato o assistito a un evento […]
Lasci pure una richiesta per uno dei nostri esperti

Contattaci

Richiedi informazioni


(Potrai cancellarli o chiederne una copia facendo esplicita richiesta a [email protected]) (richiesto)